Banda della Scuola Popolare di Musica di Testaccio
Banda della Scuola Popolare di Musica di Testaccio
  •  

GioConcerto

GioConcerto

L’incursione della musica nel mondo dei bambini della scuola d’infanzia e primaria.

 

Il GioConcerto è uno spettacolo musicale interattivo, pensato per introdurre attraverso l’osservazione, l’ascolto ed il gioco con la banda, i bambini nel mondo della musica e degli strumenti musicali. Lo spettacolo non ha pertanto una finalità strettamente didattica, trattandosi di evento una tantum e non di una serie di lezioni concerto.

Lo spettacolo è in partenza coerente e sinergico con tutte le migliori e più avanzate metodologie e pratiche didattiche, mutuate dall’ormai storica esperienza di didattica ai bambini svolta dalla Scuola Popolare di Musica di Testaccio, ma il suo intento è più emozionale, vuole privilegiare l’aspetto giocoso e “promozionale”, in particolare verso gli strumenti, che i bambini vedono da vicino e toccano con mano in genere per la prima volta. Vuol far “sentire” ai bambini, nella suggestione prima che nelle orecchie, la presenza di questi signori un po’ strani, con questi misteriosi strumenti, incuriosirli, affascinarli.

LO SPETTACOLO

La lezione-concerto è strutturata in “episodi” che giocosamente attraverso specifiche gag porteranno attraverso l’interazione col “giocattolo banda” a scoprire ed esplorare i seguenti temi:

  • Ogni oggetto che esiste ha un suo suono, sta a noi farlo uscir fuori. La scoperta degli strumenti. Dagli oggetti esistenti, alle prime percussioni per poi iniziare a far conoscere anche gli strumenti a fiato attraverso episodi che ne denotino la peculiarità, il carattere, le similitudini con i suoni della natura e con i personaggi, reali o di fantasia, con cui hanno familiarità.
  • Dicotomia grave-acuto rappresentata dal rapporto grande/piccolo, che in banda è agevolmente rappresentabile attraverso i diversi strumenti all’interno della stessa famiglia (ottoni, clarinetti, sax).
  • Dinamiche piano-forte. I suoni possono essere emessi da molto piano, come un sussurro di frasi, a molto forte, come gli urli. Qui il Maestro, o un bambino, possono dirige dando indicazione ai musicisti mettendo le mani in alto o in basso a seconda del suono piano o forte che si vuole esprimere.
  • La scoperta del tempo. La musica si svolge in un tempo che ha una cadenza ed un ritmo. Contando a tempo si dà l’avvio alla musica. Per coordinare tanti musicisti che suonano melodie diverse è necessario un direttore, che può essere anche un bambino presente.
  • Dicotomia tra ordine/armonia/accordo (musica) e disordine/confusione/disaccordo (rumore) non necessariamente attraverso la direzione e la lettura di musica scritta, ma anche attraverso la capacità d’ascolto reciproca e, di conseguenza, l’improvvisazione.
  • La magia della musica: tante persone possono dire ognuna cose diverse nello stesso momento creando insieme una musica ancora più bella. Ciò principalmente facendo ascoltare le varie voci di una canzone isolandone le linee 1) ritmiche 2) di basso 3) melodiche 4) controcanto.
  • Suono e movimento. Ciò in entrambi i sensi: dal gesto alla musica, come fa il direttore d’orchestra, oppure viceversa dalla musica al gesto, ballando a ritmo della banda che suona.
  • Musica ed emozioni. Ciò facendo ascoltare brani o frasi che facciano emergere le principali dicotomie triste/allegro, calmo/energico, dolce/arrabbiato, etc.
Alcuni dei disegni fatti dai bambini dopo un GioConcerto

SVOLGIMENTO DEL GIOCONCERTO

L’evento sarà effettuato con orari e modalità in accordo con le preferenze della scuola. La lezione-concerto sarà organizzata in sessioni da circa 40 minuti ognuna a copertura delle classi di bambini che complessivamente vi parteciperanno.

SVOLGIMENTO DEL GIOCONCERTO

La Banda della Scuola Popolare di Musica di Testaccio nasce nel febbraio del 1977, su iniziativa di Tommaso Vittorini, come primo laboratorio musicale d’insieme di fiati e percussioni in grado di dar subito a tutti i musicisti, anche principianti, la possibilità di suonare insieme non solo nella scuola ma nelle vie e nelle piazze della città. Nella sua ultra-quarantennale storia la banda accanto alle tante esperienze e collaborazioni artistiche che ne hanno arricchito repertorio e versatilità (tra le tante citiamo quelle con Giovanna Marini, Francesco De Gregori, Francesco Di Giacomo, Neri Marcorè, Alvin Curran, Cosimo Cinieri e Pippo Del Bono) sul piano didattico ed educativo ha curato per il Comune di Roma la manifestazione "Bim Bum Banda", il progetto RoMusiGagè (lezioni-concerto tenute insieme a gruppi musicali rom nelle scuole elementari e medie della periferia romana) e nel 2016 - 2017 il progetto di storia cantata della Democrazia attraverso la rappresentazione di lezioni-spettacolo-concerto nei licei finanziata dal MiBACT e la collegata produzione di un doppio CD con funzione di sussidio didattico.